PALAZZO VENEZIA: STORIA, ARTE E ARCHITETTURA

Palazzo Venezia è una delle prime grandi opere rinascimentali di architettura civile a Roma, connubio tra castello medioevale e dimora signorile quattrocentesca.

Costruito tra il 1455 e il 1467 su commissione del cardinale veneziano Pietro Barbo, futuro papa con il nome di Paolo II.
Residenza papale fino al 1464, il palazzo fu ceduto alla Repubblica Veneta come dimora per gli ambasciatori (da cui il nome del palazzo) e per il cardinale titolare della basilica stessa.

Dal 1797 passò in proprietà agli austriaci, divenne sede dell’ambasciata austriaca e dal 1916 passò allo Stato italiano.
Durante il fascismo, Mussolini pose qui la sede del proprio quartier generale.

Il palazzo, che venne costruito inglobando edifici precedenti, è essenzialmente articolato su due corpi di fabbrica: il Palazzetto, affacciato tra piazza Venezia e via San Venanzio, costruito dal 1455, e il corpo principale di ampiezza pressoché doppia e racchiuso tra la piazza, via del Plebiscito e via degli Astalli.
All'angolo sulla piazza fa da cerniera tra le due facciate l'alta "Torre della Biscia".

Palazzo Venezia ospita ora il Museo Nazionale di Palazzo Venezia e la Biblioteca Nazionale d’Arte.
Nelle rimanenti sale non adibite a Museo vengono regolarmente allestite mostre di alto profilo storico culturale.

Il museo di Palazzo Venezia occupa le sale dell'appartamento Balbo, dell' appartamento di Lorenzo Cybo, nipote di papa Innocenzo VIII, e parte degli ambienti del Palazzetto Venezia.
Il museo ospita nelle proprie sale una collezione di pregevoli dipinti, sculture (bronzi e marmi), ceramiche, armi e arazzi.

 
PALAZZO VENEZIA
 
L'architettura del Palazzo

Il palazzo è l'esempio paradigmatico del gusto sviluppatosi in architettura agli inizi del rinascimento romano. Nel cortile del Palazzetto si trovano elementi ripresi dall'architettura romana, privilegiando però la funzionalità all'aderenza rigida al modello. Esso si ispira al Colosseo negli ordini architettonici sovrapposti e nel cornicione con fregio a mensole. L'ampiezza degli archi però è diminuita e semplificata.

Nel palazzo vero e proprio (costruito dal 1466) si ebbe una ripresa più fedele dei modelli antichi. Il vestibolo con volta a lacunari registra il primo esempio di utilizzo nell'architettura moderna del getto di calcestruzzo all'antica, su centine e casseforme, ripreso dal Pantheon. La loggetta nel cortile principale riprende in maniera fedele lo schema del paramento esterno del Teatro di Marcello, con ordini sovrapposti e semicolonne addossate sui pilastri tra gli archi.

 
 
la Mostra gli Espositori Foto&Video News Altro
l'Associazione elenco Espositori Fotogalleria News privacy
Palazzo Venezia catalogo mostra Videogalleria Eventi disclaimer
Crediti planimetrie  
l'Organizzazione area Stampa Info&contatti le altre Edizioni
D.O.G.E. Srl ufficio Stampa informazioni edizione 2010
la Commiss. Scientifica rassegna Stampa come trovarci edizione 2008
Sponsors & Partners comunicati Stampa contatti edizione 2006